Il taekwondo è “troppo di gambe”?

Una delle polemiche più diffuse nel mondo degli sport da combattimento è che il taekwondo faccia schifo e sia indegno perché vi si combatte usando solo le gambe.

Dunque, premesso, per correttezza d’informazione, che parlo da praticante di MMA/grappling/BJJ/affini, premesso che nemmeno a me piacerebbe combattere in tal modo e lo troverei scomodo per la mia impostazione: allora, nelle gare di taekwondo si usano praticamente solo le gambe.

Sportivamente parlando, embè? ma chissenefrega, si vede che se ad uno piace confrontarsi con un avversario schermagliando con le gambe farà TKD, se non gli piace usarle non farà TKD. Si tratta di una questione di una semplicità disarmante. That’s it.

Io normalmente ad un praticante di TKD in un contesto sportivo non andrò mai a dire che lavora troppo di calci, a meno che ovviamente lui per primo mi venga a dire che può duellare ad armi pari in altri contesti non suoi o che può affrontare ogni genere di situazione. Allora in quel caso è giusto fargli notare che sta lievemente sbagliando mira sul vasino.
Per esempio, ho conosciuto un ragazzo che voleva iniziare a praticarlo perché gli sembrava una figata l’idea tutta sua di disarmare e poi stendere un aggressore munito di coltello/pistola solo con qualche calcio acrobatico, gli ho detto praticamente che sparava palle.

Ma non vedo perché dovrei essere ostile al regolamento da gara del TKD in maniera generale. È un regolamento sportivo come altri, non capisco perché dovrebbe essere diverso, sarebbe come criticare la boxe perché si usano solo i pugni; o il calcio perché non si può afferrare la palla con le mani come nel rugby. Sport diversi, regole diverse per gusti e attitudini differenti.

Non vedo neanche perché un defender Duro & Puro™ (rubo il termine dall’ambiente metallaro, scusate Cheesy) del TKD “tradizionale” debba tirare in ballo diecimila giustificazioni sulla completezza del TKD che è snaturata dalla versione olimpica quando in realtà ci sta altro e blablabla. Più pretenderete di essere ciò che non siete (come fanno molti karateki d’altronde), più sarete criticabili. Il judo, la lotta, la boxe hanno trovato il loro ruolo e il loro sviluppo proprio dopo esser stati regolamentati, è dalle limitazioni che nascono le specializzazioni e si diffondono gli sport. Altrimenti non sareste eclettici e versatili, ma mediocri jolly, maestri di nulla; perché non praticherete realmente una “disciplina totale” come il pancrazio.

Perché dunque criticare il TKD se è “troppo di gambe”?

Perché altrimenti nel K1 o nelle MMA si sarebbe svantaggiati? Ah, beh, questo è un problema di chi vuole nello specifico combattere nel K1 o nelle MMA passando dal TKD, non è mica una cosa obbligatoria né il fine del TKD.
Altrimenti, critichiamo i motociclisti perché nella 250 non si allenano al grande salto in Formula 1.

Perché bisogna essere “completi” nell’allenamento delle capacità di combattimento? Boh, allora come già detto critichiamo la boxe perché non ci sono i calci, il BJJ perché non ci sono colpi, la lotta libera perché non ci sono sottomissioni; e il calcio perché non usiamo anche le braccia per gestire la palla, il volley perché non usiamo anche le gambe per la battuta. Se stiamo parlando di uno sport da combattimento, che prevede un confronto mediante determinate regole d’ingaggio, non vedo perché debba essere PER FORZA completo e figurare tutto in egual modo, altrimenti ci sarebbero solo il vale tudo, il pancrazio (probabilmente nemmeno le MMA). Sono discipline diverse, tipi di confronto diversi, perché diverse sono le persone, diversi i gusti, diverse le possibilità atletiche, diversi gli orientamenti individuali e personali. E basta.

Per un discorso di difesa personale? Bah, leggendo altri miei post credo si capisca come la penso, ritengo che sia un aspetto secondario e se uno mi venisse a dire che nella mia disciplina ci sono mancanze o cose inadatte al contesto di strada io risponderei egregiamente “e sti gran cazzi”.

Quindi, come dico sempre: praticate lo SPORT (perché potete dire tutto quel che volete sul discorso del “marziale” ma alla fin fine state facendo un’attività ludico-motoria, quindi sportiva, a meno che abbiate necessità di un addestrarvi per scendere in battaglia o sopravvivere in un ghetto/favela, ma non credo sia il caso) che più vi piace, più vi fa crescere sotto qualche punto di vista e da cui più traete giovamento per voi stessi e non per via di qualche ipotesi situazionale. L’importante è fare qualcosa bene e che ciò che si fa sia coerente con i propri obiettivi e con i risvolti che i propri insegnanti asseriscono.

Annunci

3 pensieri su “Il taekwondo è “troppo di gambe”?

  1. Ma alla fine del contendere??? Cosa volevi arrivare a dire al lettore? Ci sono rimasto male, l’articolo pare incompleto.. E’ giusto che uno lavori nel TKD ma non spari appunto palate di cxxxa altrove.. Ho conosciuto molta gente, che ho odiato a morte, nei corsi da istruttore FIJLKAM nel Lazio dove io praticavo per il Karate e loro li a incitare i figli a darsi le legnate coi calci (loro però sport olimpionico e il Karate no) poi però ci sentiamo dire che LORO sanno difendersi per strada più di chiunque altro… Tipo il tizio che a te ha detto della difesa con calcio acrobatico per strada.. Li basterebbe un normale calcio con la scarpa magari anfibi o caterpillar sulla mano dell’aggressore e il gioco finisce, niente calci acrobatici o il coltello per la voglia di scherzare e fare i ‘fighetti’ ce lo ritroviamo puntato sulla schiena…Io ad esempio non sopporto ne TKD ne KM in quanto molti loro corsi sono sul far soldi e in otto-nove mesi pensare di aver creato delle macchine da guerra quando non è cosi, quand in otto-nove mesi da altre parti sei neanche gialla o arancio o ancora bianca… Poi come si dice ‘de gustibus’
    Ciao
    Darigazz

    Rispondi
  2. Condivido. Io faccio Wing Chun da poco e sento tanti lamentarsi che non è efficiente come le altre cose nel MMA sbroc sbroc.
    Attendo che sta gente vada a lamentarsi con i calciatori perché calciando una palla non sanno difendersi.

    Rispondi
    • Secondo me bisogna distinguere tra aTKD come arte marziale o sport da combattimento.. La arte marziale serve per difendersi anche per strada e quindi lavorando con il TKD per strada esso risulta incompleto (un calcio acrobatico per fermare un coltello quando basterebbe un braccio); se vediamo il TKD come sport da combattimento è una schermaglia ‘carina’ del resto anche la scherma è solo braccia con il fioretto ma non me ne vado in giro per strada a difendermi con la sciabola, la spada o il fioretto. Secondo me è di gran lunga più completa la Boxe del TKD in quanto ok la boxe una solo braccia ma anche un bel gioco di gambe sotto perchè saltellano tutto il tempo e si tengono in costante movimento e alcuni sono anche agili e veloci.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...