Quando i complottisti fanno “oh”

hfu1

Quest’oggi cari amici ci occuperemo di un noto cantautore italiano, Giuseppe Povia (per intenderci, quello dei piccioni).

Ebbene, il caro Povia è un complottista. Nel senso, di quelli che credono alle teorie del complotto, da quelle sul NWO a quelle sulle scie chimiche, passando per massoneria, signoraggio bancario e vaccini. Non di quelli che campano partorendo corbellerie su corbellerie da dare in pasto a lettori squinternati che pendono dalle sue labbra. Anche se effettivamente le da in pasto a soggettoni che lo ammirano per questo.

Qualcuno perché trae sollievo per il proprio ego mortificato nel convincersi che ci sia tutto un mega complottone occulto che faccia sì che il mondo gli sappia di schifo (e quindi apprezza la constatazione che Povia sia in linea con il suo pensiero), qualcun’altro perché semplicemente non ha abbastanza personalità e se una cosa la dice il proprio beniamino allora automaticamente è vera (fosse anche che il cielo è verde ma il Bilderberg fa credere sia azzurro, tanto lui è un “artista controcorrente e anticonformista che dice quello che pensa e non si omologa al gregge”).

2

Però il caro Povia ci si impegna nel propagandare certe bischerate, tanto che potrebbe salire sullo stesso piano dei vari Giulietto Chiesa e Rosario Marcianò, per poi finire su Perle Complottiste.

Certamente presenta molti dei tratti salienti del Complottaro DOC. Nell’immagine qui sopra da lui proposta notiamo nell’ordine:

– vittimismo (del tipo “è tutto un complotto per screditarmi, perché sanno che ho ragione e allora mettono in moto la macchina del fango perché dico cose scomode”);
– moralismo para-destroide (nella fattispecie molti esponenti leghisti o anti-omosessuali sono convinti che dietro il sostenere certi diritti ci sia l’intento di distruggere ciò che non è straniero, omosessuale o altro);
– convinzione in grande stile che il complottone sia davvero a livello globale, anche se lui, furbone, li ha sgamati subito.

Immagini come questa e commenti sullo stesso tenore sono stati postati nell’ultima settimana sulla pagina fb del cantante, come in un rigurgito intenso e immediato.

Desta preoccupazione soprattutto questa invettiva, che ha scatenato un putiferio di commenti:

3

In soldoni, Povia sostiene che nei Paesi Bassi si vuole legalizzare la pedofilia. E ci aggiunge anche che sarebbe una macchinazione del NWO.

Le cose non stanno proprio così, c’è stata la proposta (prontamente rifiutata) di rendere legali i rapporti sessuali già da una certa età, per quanto sia un paese stereotipatamente fumato il loro parlamento funziona ancora, ed in ogni caso non andrebbe certo contro le direttive comunitarie visto che la pedofilia è reato nell’Unione.
Povia allora corregge un po’ il tiro, specificando che “l’Olanda propone di legalizzare i rapporti Omo Etero con bambini oltre 11 anni.”
Qualcuno gli fa un attimino notare che è scorretto dire qualcosa del genere, perché si tratta della proposta di UN partito politico nel parlamento olandese. Sarebbe come dire che l’Italia propone di bruciare i negri solo perché c’è qualche ammiratore di Bossi che lo farebbe volentieri.
Povia ribatte allora dicendo che proposte del genere non dovrebbero neppure essere presentate e se a qualche minoranza viene permesso di farlo allora c’è qualcosa che non va negli olandesi, citando l’esempio di una recente sentenza in cui ad un movimento di pedofili, prima sciolto da un tribunale, in appello è stato permesso di ricostituirsi.

Sulla prima argomentazione ci si obietta facilmente con il fatto che viviamo in un mondo democratico dove ognuno può semplicemente proporre la sua opinione e questa potrà essere accolta o respinta. Non mi pare ci sia nulla di strano. Anch’io, se volessi, sarei libero di chiedere che l’inno nazionale diventi Painkiller dei Judas Priest, la proposta (purtroppo) non andrebbe in porto però nessuno mi impedrebbe di farla.
Anche certi parlamentari poco arguti hanno fatto interrogazioni parlamentari sulle scie chimiche o sui vaccini che causerebbero l’autismo, si tratta di cose da mani nei capelli ma hanno avuto la facoltà di farlo. E anche Povia alla fine è libero di sparare tutte le fesserie che vuole.

4

Esiste la liberta di parola dopo tutto. Gli unici limiti sono quelli dati dalla legge (per esempio, essendo l’apologia di nazismo un reato, non potrei certo ricostituire il defunto partito nazionalsocialista e propagandarne le idee).
L’Olanda, essendo uno stato democratico e con ancora un po’ di sale in zucca, ha giustamente ascoltato la proposta e sempre giustamente l’ha bocciata. Problemi?

La seconda argomentazione viene ribattuta bene o male dagli stessi principi: infatti non si tratta di un gruppo dove si pratica la pedofilia, ma di un semplice insieme di svalvolati che ammettano di avere una discreta passione per le loli e auspicano un abbassamento dell’età minima legale per contrarre rapporti sessuali.
Tuttavia, finché non toccano dei minorenni o iniziano ad incitare a farseli/e, non hanno ancora commesso reato e pertanto la loro associazione può ancora esistere dato che non ha violato la legge. Abbattere il loro gruppo sarebbe in sostanza un processo alle intenzioni. Per tornare all’esempio di prima, nessuno ha abolito la Lega Nord solo perché vi si è asserito di voler bruciare i negri o gettare gli extracomunitari dagli aerei.

La cosa divertente è che lo stesso Povia linka un articolo che sbugiarda in pieno le sue convinzioni.

Però lui ci crede, assieme a molti suoi fan che commentano indignati proferendo offese pesanti al popolo olandese tutto (e iniziando a porre pregiudizievoli equivalenze fra la pedofilia e l’omosessualità), nonostante si sia dimostrato un’ulteriore volta con il modo di gestire questi procedimenti legislativi nettamente più savio, intelligente e saggio di quello italiano.

Beh dovremmo fare i complimenti a Povia & poviani.

Ma andiamo oltre. Pare che qualcuno gli abbia dato del grillino.

hfu2

No caro Povia, non ti etichettano come grillino. Ti etichettano come povero pirla, che è diverso (o la stessa cosa, dipende dai punti di vista).

Complimenti ancora.

Annunci

12 pensieri su “Quando i complottisti fanno “oh”

  1. Ho cantato una canzone
    per i bimbi del Darfur
    guadagnando molti soldi
    con il disco e con il tour
    ma gliene ho dati solo un po’
    perché ho avuto problemi di liquidità
    e così e così e così e così
    ce li ho quasi tutti qui

    Poi ho scritto una canzone
    sul piccione viaggiator
    gli ho affidato un messaggino
    da portare nel Darfòr
    ma forse non si capirà
    perché scrivo con difficoltà
    tanto io ‘sti soldi non li ho più
    non ditelo a Youssou N’ Dour
    Eelst :)

    Rispondi
  2. E auspichiamo che ben presto ci sia anche il reato di apologia del comunismo, se davvero ci si vuole evolvere. Circa il complottismo, bè, purtroppo è un sintomo della frustrazione strisciante che troppa gente, ormai, si porta dentro.

    Rispondi
  3. questo articolo è pesante è alcuni punti poco chiari…comunque io la penso come povia…i bambini vanno tutelati e una legge del genere non dovrebbe neanche essere “pensata” e presa in considerazione …qui si tratta di tutelare i bambini e vorrei vedere se questa legge venisse fatta e approvata in italia e avessi un figlio di 11 anni, sicuramente impazziresti di gioia specialmente se è una femmina…chiudo dicendo che hai detto che”viviamo in un mondo democratico dove ognuno può semplicemente proporre la sua opinione e questa potrà essere accolta o respinta” e allora se fossi stato corretto, non ti saresti permesso di dar del “povero pirla” a povia,però vabbè,basta scrivere qualcosa contro qualcuno, tutto fa brodo…complimenti

    Rispondi
    • Beh… qui in Italia si era proposto di abbassare il limite previsto per la maggiore età. E indovina a favore di chi…???

  4. Beh….un pirla che dá del pirla a Povia…che dire? É tutta da ridere….. ma fatti una cultura!!!!Spero che nessuno ti paghi x insultare… che tristezza!!

    Rispondi
  5. ma voi state fuori sinceramente, siete proprio il tipo di fan perfetto per uno come Povia, per me dargli del pirla è pure troppo poco, vista la sua ignoranza, mio dio sinceramente

    Rispondi
  6. ”viviamo in un mondo democratico dove ognuno può semplicemente proporre la sua opinione e questa potrà essere accolta o respinta” e allora se fossi stato corretto, non ti saresti permesso di dar del “povero pirla” a povia,però vabbè,basta scrivere qualcosa contro qualcuno, tutto fa brodo…complimenti” Mah, chi ha fatto questo articolo è stato corretto. Giustamente si è liberi di esprimere la propria opinione, ma è inevitabile che, se è idiota e mal pensata, questa possa essere giudicata in modo negativo. E se sei idiota, o dici cose idiote, è giusto che te lo facciano notare, magari hai ancora qualche speranza di cambiare…

    Rispondi
  7. Il problema di fondo non è che sto provia e i suoi simili non votino dal 1994 (sempre che sia vero)…. il punto è che fino a 20 anni fa han votato.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...