“La storia è una menzogna”

Nel mondo democratico esiste un paradosso: quando ci si trova dinanzi a sostenitori di idee folli e difensori di infami anti-democratici (cioè in pratica davanti ad emeriti imbecilli), si inizia a dubitare della validità del sistema che permette loro di esprimere tutte le fesserie che vogliono solo perché esiste il diritto di parola.

Come si suol dire, intolleranza verso gli intolleranti, razzismo verso i razzisti… è il cosiddetto paradosso dell’intolleranza, ma non solo: viene voglia di pensare che troppa libertà faccia male e che certa gente vada davvero presa a ceffoni per ciò che è capace di dire o scrivere.
In ciò vi è una forma di elitismo, dato che costoro vengono visti dall’alto in basso a causa della loro stupidità e ignoranza, e soprattutto nel caso di chi intende sostenere folli dittatori come Hitler o Stalin appare surreale il volerli reprimere in toto (comportandosi così proprio nelle modalità dei loro beniamini).

Ma è anche vero che libertà d’opinione non significa libertà di sparare tutte le cazzate che si vogliono, che c’è chi si approfitta bellamente della libertà di cui godono e che comunque basta riflettere un attimino per notare che è sufficiente smontare le loro tesi senza dover far intervenire i gendarmi a manganellarli (anche se se lo meriterebbero).

Prendiamo per esempio la pagina Scienza di Confine, che si candida ormai a prendersi il ruolo di regina della spazzatura della rete e quindi insidiando il primato di Informare per Resistere.
Hanno pubblicato questa ennesima perla la cui fonte originale sembrerebbe risalire ad un articolo di tal Corrado Belli (su cui per adesso non mi dilungo) e che fra l’altro non viene citato neanche correttamente:

1

La Guerra di Hitler? O dei Banchieri?

A tutti coloro che leggeranno queste righe, è chiaro che non si vuole santificare Hitler, ma nemmeno dare a lui la colpa di quello che successe da li in avanti…

Certamente gli Alleati andrebbero biasimati per la loro cattiva gestione della politica nel periodo inter-guerre alla quale si è poi tentato di rimediare con un’altra politica forse anche peggiore (l’Appeasement), ma da qui a dire “Hitler non aveva tutti i torti” ce ne passa.
Evidentemente i nazisti, in quanto sconfitti, in quanto anti-sistema occidentale, suscitano un’innata simpatia e perché no, riabilitarli potrebbe essere profittevole ideologicamente per qualcuno se serve alla causa anti-occidentalista.

15 Giugno 1939: Adolf Hitler stampa moneta propria, senza signoraggio bancario!

Era il 22 Agosto 1939, mancavano pochi giorni allo scoppiare della seconda guerra Mondiale, rimaneva poco tempo a disposizione sia a Hitler che a tutti i capi di Stato interessati per poter fermare quella che fu una guerra voluta dai soliti ignoti che gestivano tutta l’economia Mondiale, mancavano pochi giorni per decidere se in Europa si doveva continuare a vivere in pace come descritto sul Trattato di Versaille o rompere il ghiaccio e ricominciare con le ostilità.

Il primo passo di Hitler nella Politica internazionale fu corretto e quasi infantile, più frequentava le sedute di Politica internazionale e più capiva che le controparti. Francia, Inghilterra, Russia non erano tanto felici che finalmente il popolo Tedesco si fosse liberato da quella Politica soffocante alla quale era stata costretta dalla fine della Prima guerra Mondiale..

GIUGNO 1939: “La legge sulla Reichsbank”

Cominciamo già con una nota finanziaria, infatti il Reichsmark fu introdotto già nel 1931 in sostituzione del Papiermark, a causa dell’elevato tasso di inflazione che si era raggiunto durante gli anni ’20.

In secondo luogo, nel 1939 non ci fu assolutamente il primo passo di Hitler nella politica internazionale, infatti già nel 1936 per esempio avveniva la rimilitarizzazione della Renania, azione aggressiva in risposta al trattato franco-sovietico che i nazisti vedevano come una minaccia (ed è infatti ciò che viene realmente citato dalla fonte originale del testo). Ma si potrebbe risalire benissimo addirittura al 1933, anno di insediamento di Hitler alla cancelleria, in quanto la propaganda hitleriana già in quegli anni ambiva a riunire i territori tedescofoni e al contempo a tenersi buoni i vicini intanto che la Germania era debole, con tanto di un trattato di non aggressione firmato nel 1934 con la Polonia.

Sembra quasi che Hitler fosse rimasto tranquillo e pacifico a farsi i fatti suoi finché nel 1939 non ha scoperto all’improvviso il signoraggio e abbia deciso di fermarlo, col rischio però di suscitare l’ira dei Potenti. Sarà forse questo ciò che vogliono affermare?

Il 3 SETTEMBRE 1939 Inghilterra e Francia dichiareranno guerra alla Germania! Erano trascorsi solo 3 mesi !!!
L’usura finanaziaria e bancaria internazionale aveva fretta!
Una “infezione” simile NON poteva attecchire in tutta l’Europa!

Bingo!
Però scusatemi cari amici di Scienza di Confine. State collezionando una figura barbina dopo l’altra in materia di storia. Prima dite che l’esordio in politica estera di Hitler avviene nel 1939, ora asserite che subito dopo il Regno Unito e la Francia abbiano risposto con un’aggressione improvvisa ed immotivata.
E l’invasione della Polonia dove la mettiamo? Quella sì che fu un’aggressione improvvisa ed ingiustificata. Gli Alleati, avendo constatato che la precedente politica delle concessioni verso il regime nazista era fallita e che Hitler insisteva con la sua politica espansiva, si erano già da prima accordati con un trattato anglo-polacco di dover difendere la Polonia in caso di invasione tedesca, espansione della precedente alleanza franco-polacca. Ma è naturale che dopo poco dichiarino guerra alla Germania, intanto che le truppe tedesche hanno bellamente attraversato il confine (e pure fino all’ultimo gli stessi Alleati speravano in una risoluzione diplomatica della crisi e suggerivano agli ufficiali polacchi di interrompere le operazioni di mobilitazione).
Nossignori, proprio non ci siamo. Per questa volta vi prendete un’insufficienza a storia, occhio a recuperare il debito a settembre!
E penso di darvela anche in statistica, visto che non sapete correlare bene dati e avvenimenti fra di loro, siamo quasi al livello del dire che l’aumento del cancro negli ultimi secoli è legato alla diminuzione della pirateria nei caraibi data la simultaneità delle cose!

In Germania, per la prima volta da quando, nel 1695 si era imposto il signoraggio, un governo aveva avuto il coraggio e la forza di nazionalizzare la banca di emissione, riacquistando, così, la proprietà della moneta.
Gli avvenimenti successivi – ci riferiamo ovviamente al secondo conflitto mondiale – hanno messo in ombra questo evento di portata storica.

Gli “avvenimenti successivi” hanno messo in ombra tutto ciò?

Eccoli i vostri “avvenimenti successivi”:

https://i2.wp.com/www.centumcellae.it/wp-content/uploads/2012/01/olocausto.jpg https://i0.wp.com/www.infooggi.it/public/foto/articoli/87fdb5e68db7185c30e54fe6d400889b4f21e185ec678.jpg
https://havenforus.files.wordpress.com/2013/05/85d0c-shoa2010_12_lp-large.jpg

E per voi tutto questo avrebbe “sminuito” ciò che andate accusando?

Nessuno storico, almeno a nostra conoscenza, ha mai correlato i due fatti, il che indurrebbe a ritenere che, secondo gli ufficiali sacerdoti di Clio, i due avvenimenti, lo scoppio delle ostilità e la nazionalizzazione della banca di emissione, corrano su binari diversi, mai destinati ad incontrarsi.

E questo è, quantomeno per quegli storici così attenti alla componente economica, decisamente strano.
Tutti hanno accettato di buon grado e come incontrovertibili le motivazioni ufficiali di Francia e Gran Bretagna.

Eppure è ingenuo pensare che i governi inglese e francese nel dichiarare guerra alla Germania palesassero le reali motivazioni in forza delle quali decidevano di entrare in conflitto.

Mi pare ovvio che nessuno storico serio abbia mai correlato i fatti, visto che sono assolutamente slegati e che la guerra è scoppiata per tutt’altri motivi.
O forse pensate che bisognava lasciar libero Hitler di promettere di nuovo di fermarsi, poi reclamare Danzica e prendersi la Polonia intera? Per poi passare all’est Europa come più e più volte aveva dichiarato? E lasciare magari un bullo prepotente del genere assumere una posizione di forza tale da imporre il proprio volere ai vicini occidentali?

Credete davvero che i nazisti, poverini! Volessero solo farsi gli affari propri in pace, se non fosse stato per quegli sporchi Occidentali che volevano per forza ficcarci il naso? D’altronde non stupisce che ci sia anche chi sostenga che l’Olocausto sia un’invenzione degli ebrei e degli americani.
Del resto, se “morire per Danzica” destava già non poche perplessità fra il popolo e l’esercito francese, come avrebbero mai reagito questi ad una parola d’ordine che suggerisse di morire per il signoraggio?
A guerra finita, le potenze occupanti hanno provveduto a eliminare quest’anomalia bancaria tedesca, da loro vista come un pericoloso focolaio di infezione.

C’erano voluti poco meno di dieci sanguinosi anni e qualche milione di morti, ma, finalmente, l’ordine era stato ripristinato e gli affari potevano riprendere il loro corso usuale.

Per garantirsi, però, un lungo sonno indisturbato ed evitare il ripetersi di analoghi “crimini” era necessario demonizzare l’avversario ed esporlo al ludibrio dell’universo mondo. E anche questo è puntualmente avvenuto.

E c’erano voluti genocidi, campi di sterminio, attacchi senza dichiarazioni di guerra, coalizioni internazionali per fermare la follia nazista e il militarismo imperialista dell’Asse.

Nei piani hitleriani c’era il far morire di fame i prigionieri orientali, la creazione di ghetti, la creazione di un Nuovo Ordine Mondiale (quello che vi ostinate ad attribuire agli americani).
In Unione Sovietica, l’occupazione nazista distrusse villaggi e campi coltivati, sfruttò le popolazioni locali come schiavi, massacrò le minoranze “subumane” o “degenerate”, creò fosse comuni, portò morte e distruzione come mai prima era accaduto nella storia umana.

E voi avete ancora il coraggio di tentare di difendere quest’ideologia malata e scagliarvi invece sugli Occidentali, accusandoli delle peggiori nefandezze e di avere avuto le loro colpe in tutto ciò?

Non posso dire semplicemente che dovreste vergognarvi, sarebbe troppo poco. Suscitate disgusto. Siete reietti, alienati, volete giustificare il vostro fallimento esistenziale condannando il sistema in cui vivete e simpatizzando per chi ad esso si è opposto ed è stato sconfitto (dato che condividete la sorte della disfatta, mal comune…), non dovreste neanche aprire bocca per manifestare la vostra estrema ignoranza ma purtroppo viviamo in una società che vi consente di affermare le teorie alternative più oscene in tutta tranquillità, e magari di farci anche soldi con libri e DVD.
Se certi figuri, come Hitler o Stalin, avessero prevalso, i loro metodi sarebbero stati veloci ed efficienti per mettere a tacere sobillatori e cospirazionisti come voi, che costringono gente come me a pensare paradossalmente che avrebbero pure fatto bene (da qui l’incipit dell’articolo).

3

Dovreste farvi una lunga marcia forzata, al freddo e al cibo, in una steppa desolata di un teatro di guerra, forse così inizierete ad apprezzare i caldi salotti e i comodi divani dai quali potete vomitare tutte le vostre insinuazioni ignominiose ed infami. Magari vi servirebbero anche un po’ di zappa, vanga, sacchi da trasportare e calci nel fondoschiena.
Questo fu l’unico motivo per il quale TUTTO il democratico mondo, soggiogato dall’USURA bancaria internazionale, dichiarò la GUERRA di AGGRESSIONE al per nulla politically correct Adolf Hitler!

Sottolineatevi questa frase perché la ripescheremo dopo.
Politicamente scorretto Hitler? Eccome se era politicamente scorretto. Abbiamo visto prima tutte le belinate non certo politicamente corrette che aveva fatto.

Questa storia ricorda un pò il motivo per cui venne ucciso il presidente americano John Kennedy….o l’uccisione più recente del presidente libico Gheddafi…

Entrambi come Hitler volevano stampare la moneta senza appoggiarsi alla banche. Cosi facendo non si sarebbe mai creato il cosi detto “debito pubblico” che oggi ci affligge e fa suicidare centinaia di persone afflitte da debiti e la costante paura di perdere TUTTO.

Insomma la storia si ripete, i criminali sono sempre gli stessi, cambiano solo la pelle come i serpenti. I banchieri oggi detengono il mondo in pugno, finanziano le guerre e tirano i fili della politica e oggi ne stiamo pagando ancora le conseguenze..

Quindi diamoci una svegliata, ieri la verità non si sapeva, oggi grazie ad internet non ci sono più scuse, ignorare i problemi equivale solo a scavarsi la fossa con le proprie mani!

Fonte: Mentereale e Metamorfosi blog

Oh, ma è ovvio, la causa è solo questo!
Ma a lasciare scioccati sono anche i commenti. Vediamoli insieme:
filonazi01

Come prendere due corbellerie con (un cervello grande come) una fava.
La prima è che il piano di invasione della Polonia era bello ampio e, se non ci fosse stata l’esigenza di dividersi l’Europa orientale con l’URSS per avere le spalle coperte, avrebbe compreso anche la parte occupata dai sovietici, a cui comunque si è pensato in seguito con l’invasione dell’URSS e mentre si iniziavano a progettare i vari Reichskommissariat con intenti di sfruttamento e devastazione.
La seconda è che il motivo per cui gli Alleati non dichiararono guerra anche all’URSS era che sarebbe stato decisamente improponibile sperare di poter combattere entrambe le potenze allo stesso modo. Anzi, c’era anche chi confidava che l’alleanza fra Hitler e Stalin cadesse, e si potessero impiegare i sovietici nella guerra contro i nazisti, visti come molto più pericolosi.

filonazi02

Dove?
Sono sicuro che tu hai la Conoscenza™ vera e completa di tutti i fatti e potrai illustrarci come la Bayer abbia scatenato la guerra.

filonazi03

Eppure l’avete scritto chiaro e tondo prima che “questa è l’unica causa per cui gli Alleati hanno scatenato un’aggressione verso il non politically correct Hitler!”.
Che fate, vi rimangiate le parole per salvaguardare la faccia?

Brillante anche la perla sul fatto che la storia la scrivano sempre e solo i vincitori, sottinteso, la storia è falsata perché i vincitori hanno i loro interessi da propagandare e inculcare nelle povere fragili menti degli inermi cittadini. Si tratta senza dubbio di un assioma, da mettere assieme a quelli euclidei. Anzi, non è neanche un assioma, è proprio la Definizione™.
Ma allora per voi la storia vera è quella che raccontano gli sconfitti, non vi pare un controsenso questo assolutismo squadrato?

Da ciò la contraddizione dei complottisti, che affermano giustamente che è bene avere dei dubbi, ma poi rovinano tutto prendendo per certezze sicure le loro teorie alternative.
Eppure, la stessa Germania attuò molti degli stratagemmi che i complottisti attribuiscono agli americani, per esempio. Addirittura inscenare finti attacchi per giustificare, almeno agli occhi del proprio popolo, un’invasione di uno stato sovrano, o il promettere qualcosa che non giungerà mai alla popolazione in cambio dei loro soldi.

filonazi04

A parte che l’ONU non esisteva ancora, c’era la Società delle Nazioni e non funzionava neanche…
Le sanzioni furono imposte a causa dell’aggressione italiana nei confronti dell’Etiopia, una guerra in cui vennero utilizzate anche armi proibite come i gas. Non proprio una coscienza linda, insomma.
Senza contare che le sanzioni vennero successivamente rimosse.
Certo, potete dire che era un po’ ipocrita da parte di potenze coloniali come Regno Unito o Francia fare la morale (gli stessi Stati Uniti lo trovarono inappropriato), ma ciò non assolve le mire espansioniste delle future potenze dell’Asse né le azioni che hanno poi compiuto dietro le quinte nei territori occupati.

filonazi05

Se lo dici tu…

Link alla nota.

Annunci

2 pensieri su ““La storia è una menzogna”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...