Warpaint – The Fool

Le Warpaint sono un gruppo tutto al femminile formato dalle nientemenoche amiche d’infanzia Theresa Wayman, Emily Kokal, Shannyn Sossamon e Jenny Lee Lindberg il giorno di San Valentino 2004 a Los Angeles.
Con queste zuccherose premesse il quartetto si diletta nei live e, sotto l’egida di John Frusciante e Josh Klinghoffer dei Red Hot Chili Peppers come rispettivamente produttore e session-man, incide un primo EP nel 2008, Exquisite Corpse, che riscuote un discreto successo.
Nel 2009 si unisce a loro la batterista Stella Mozgawa al posto della Sossamon, partecipano ad una compilation di cover su David Bowie e cominciano le registrazioni per il full-lenght di debutto, intitolato The Fool e distribuito per Rough Trade l’anno seguente.

Iscritto nell’art rock dalla critica d’oltre oceano, l’album si rivela un interessante e piacevole punto di incontro fra la psichedelia d’estrazione californiana e la new wave inglese, particolarmente a tinte dark (Cure, Siouxsie and the Banshees) e in parte dream pop (This Mortal Coil), l’approccio compositivo è però influenzato dall’indie pop americano che melodizza e rende più immediati i pezzi.
Le canzoni sono soffuse e pacate, con tonalità basse che riflettono umori crepuscolari, dolcemente malinconici ma in alcuni casi anche parzialmente tetri.  Il gusto melodico delle ragazze risulta solido e con esso le statunitensi dipingono delicati fondali onirici di sostegno ad una trama acida, ma certosinamente mitigata dai vocalismi, sempre cristallini anche se ancora non moltissimo flessibili, e dai fraseggi chitarristici.
Tuttavia nel tentativo di risultare il più possibile avvolgenti e mesmerizzanti, il gruppo indugia un po’ nel dilatare i brani che così possono sembrare leggermente prolissi e stemperati della loro vena più radio-friendly.
Si tratta comunque di un aspetto di per sè secondario, risulta più rilevante piuttosto che questa dilatazione porta, alla fine, a lasciare un po’ un senso di inconcludenza nella maggior parte dei pezzi, come se fosse imminente una qualche risoluzione conclusiva che puntualmente non avviene perché le quattro insistono sulle stesse idee. Un tocco di acerbità compositiva insomma che ci auspichiamo lasci presto spazio alla maturazione completa del gruppo.

In conclusione, l’album, a volte forse un po’ troppo osannato dalla stampa, riesce ad essere cupo e ipnotico ma anche magico ed evocativo allo stesso tempo, tuttavia emergono alcuni difetti che impediscono di comporre il capolavoro. C’è però di che ben sperare in futuro.

Voto: 7

Annunci

Un pensiero su “Warpaint – The Fool

  1. Scusa, ma come faccio a contattarti? Ti devo chiedere di modificare una delle tue pagine, potresti scrivermi al più presto? Grazie

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...