VNV Nation – Of Faith, Power and Glory

Ritornano i VNV Nation, pionieri della scena elettronica del cosiddetto future-pop, con la loro ultima fatica, intitolata Of Faith, Power and Glory.
Non ci sono colpi di coda o grosse sorprese in quest’album che in verità è più che altro una summa di diveri elementi della loro carriera, incentrata più sulla bontà delle melodie e delle canzoni, sempre più di facile ascolto, che nella progressione sonora. Ritroviamo quindi un complesso di soluzioni che non rivoluzionerà il sound del gruppo ma che riafferma quasi come tappa d’assestamento uno stile personale e consolidato, con stratificazioni di synth, retrogusti malinconici sotto melodie coinvolgenti, la voce espressiva di Ronan Harris, passaggi più cupi e oscuri, beats intriganti, inserti di strings di sfondo a refrain fra ebm e pop, ritornelli trascinanti con singulti emotivi ed un’attitudine tendenzialmente new wave e persino (relativamente, s’intende) soul.

Rispetto ai predecessori, il mood del lavoro tende a distanziarsi dal lato in un certo senso più aggressivo di Judgement per riavvicinarsi a quello più intimista di Matter + Form, ma la tendenza generale è di livellare e assestare tutto il trademark dei VNV con un album di riepilogo diretto ed immediato, tinto dalla consueta vena dolceamara in cui spiragli di solarità si mescolano a vene meste di sottofondo, e interventi da ebm dura che si riallacciano ai primi album si intersecano con le coordinate future pop/synth pop sviluppatesi con gli anni a venire e soprattutto gli ultimi; ma anche per questo ogni tanto il duo sembra un po’ a corto di idee, che finiscono così per riciclarsi oppure, come in certi momenti macchiati di house o dark-ambient, ad apparire poco genuine, anche se nel loro piccolo ben assemblate e apprezzabilmente orecchiabili.

Of Faith, Power and Glory
è quindi per i VNV Nation non ai livelli dei loro parti migliori se non spesso prevedibile nelle sue soluzioni sonore, comunque godibili nel songwriting che potremmo quindi definire complessivamente senza lode e senza infamia – in ogni caso sfociante in una serie di episodi che non dispiaceranno ai fan del gruppo, di qualsiasi momento della loro carriera.
Solo il tempo ci dirà se questo capitolo è una sosta d’assestamento prima di tentare giochi di mano più ambiziosi in futuro o se il gruppo è definitivamente entrato in riserva d’ispirazione, e preferirà nei prossimi album mantenere d’inerzia uno status quo, certo, elegante e rifinito, ma progressivamente sempre meno fresco e vitale.

Voto: 6

(la rece più dettagliata la trovate su Rockline come sempre)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...