Shi(t)zume

Mi è venuta voglia all’improvviso di parlare di Shizume perché mi aspettavo molto da esso, inizialmente, ma ne sono rimasto sinceramente deluso, eppoi perché avevo voglia di fare qualche commento serio mettendo da parte il sarcasmo e la goliardia delle altre “recensioni” relative al mondo anime/manga fin qui pubblicate.

La trama presentata dall’editore StarComics:

Shizume Kurahashi, fervida sostenitrice del ‘metodo scientifico’, soffre di un singolare disturbo: quando il battito del suo cuore diviene irregolare – stimolato da chissà quali influssi – precipita in un sonno pieno d’incubi, mentre contemporaneamente una creatura aracniforme si materializza dal suo petto. C’è una spiegazione scientifica proprio a tutto? Shizume è convinta di sì, e farà di tutto per dimostrarlo, nonostante la misteriosa scomparsa del padre, il celebre divinatore Hikofumi Kurahashi le cui tracce sono seguite in gran segreto dall’intrepido agente segreto Kogenta Inui. Strani eventi iniziano ad accadere intorno alla capitale di un Giappone che sta iniziando a occidentalizzarsi, e scienza, superstizione, misteriose malattie e sette segrete iniziano a essere legati da un unico comune dominatore che tutti chiamano con timore tsukumo…

Parto subito dal principio.

Francamente la svolta narrativa che mi aspettavo dall’autore Yuzo Takada, già famoso per 3×3 Occhi e altre serie minori, era di una storia che osasse menzionare il paranormale, tirare in ballo i fenomeni misteriosi, mettere in bocca ai personaggi storie di creature fantastiche e di occultismo… per poi mostrare le cose come stanno secondo realtà oggettiva e dare una spiegazione scientifica e razionale a tutto, smontando completamente superstizioni e miti popolari.

Invece no.

Ben presto le “cose che la gente comune non comprende” compaiono nuovamente; certo, sempre accanto al metodo scientifico (comunque presente in maniera secondaria e superficiale) e in qualche caso dovendo subire alcune leggi naturali (idem), ma il discorso finisce sempre a parare su quel punto, quello dello shonen-manga d’azione con mostri cattivi e cerchia ristretta di eroi che, sviluppando qualche potere e/o abilità particolare, cerca di rimediare ai guai che ogni tanto scoppiano di qua e di là.

Quello di inserire esplicitamente nozioni scientifiche nel fantastico è un’idea che Yuzo Takada aveva già un po’ abbozzato in precedenza, per esempio, in 3×3 Occhi ad un certo punto il protagonista combatte contro un mostro troppo potente la cui forza è data dall’acqua contenuta nel suo corpo e allora ipotizza di indebolirlo facendolo “bollire”, per farlo egli pensa anche di sfruttare l’altitudine elevata per abbassare la temperatura d’ebollizione. Un vero utilizzo ingegnoso di un principio fisico per prevalere sull’avversario.

Questo ed altri erano casi isolati, invece qui in Shizume in tutta l’ambientazione è inserita una convinvenza antitetica fra mondo razionale e mondo irrazionale, fra meccanicismo e superstizione, fra materiale e fantastico.

A proposito, l’esempio che ho citato magari era anche un’idea figa, per mettere un po’ di tattica nei combattimenti che è fattore gradito, invece di ridurre il tutto alla solita gara a chi è più grosso, cattivo e potente. In Shizume la cosa più simile avvenuta in un combattimento è che i mostri temono l’acido carbonico contenuto negli alcoolici, col risultato che si ubriacano (sic) e diventano inoffensivi. Non mi sembra altrettanto interessante e ragionata come trovata, addirittura sfiora la parodia di sè stessa quando si vedono i protagonisti armeggiare con degli spruzzini per neutralizzare i mostri annaffiandoli di sake…

Insomma, questa soluzione non è nè carne nè pesce: a mio modesto parere o fai un setting fantasy che ammetta magia, mostri, creature di vario genere ecc. o ne fai uno realistico. Che fra l’altro, se deve essere usato per spiegare l’irrazionale, allora si presume contenga anche un messaggio particolare – purtroppo abbandonato e privo di significato con il compromesso adottato da Shizume.

Questa cosa a metà fa apparire tutto poco coerente e contraddittorio, forse poteva andare bene se in ogni caso intendevi proporre un racconto d’avventura senza troppe pretese, ma solo se senza indugiare in qualche cliché narrativo.

Per non parlare poi dei personaggi che non sono così originalissimi, voglio dire, nel dettaglio le personalità cambiano ma la Shizume che da il titolo al fumetto alla fine è la solita protagonista stupidina che già conosciamo dai tempi di Pai in 3×3 Occhi (anche se non tanto cretina quanto lei, mentre la cotta per il compagno che ogni tanto esterna è ricalcata su quella di Kiku in Genzo quando quest’ultima cambia totalmente carattere e passa dalla modalità “guerriera impavida e seria” a quella “adolescente idiota”). Il suo evocare mostri dal suo corpo è poi solo un riciclaggio totale e palese delle abilità di Yakumo Fuji, sempre di 3×3 Occhi. Il signor Toragen invece mi è sembrato ereditare da Genzo l’aspetto di professionista intelligente e maturo, senza però i suoi “tratti psicologici” particolari che chi ha letto il manga conosce.

Infine dovrei citare anche lo sconclusionamento totale dell’opera che viene lasciata in sospeso al terzo volume senza un motivo, anche se azzardo un’ipotesi: forse lo stesso Takada si è reso conto di aver iniziato un discorso a vuoto, ripieno solo di elementi già sfruttati, e ha preferito terminarlo prima di svilupparlo.

Unica nota positiva, come al solito, il disegno molto morbido, corposo e crudo, con il tratto personalissimo di Takada che io apprezzo molto. Ma chiaramente da solo ciò non basta.

Insomma venni, lessi e piansi.

Missione di oggi… fallita (cit.).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...