Le incredibili avventure di Chrno Crusade

Una piccola recensione sarcastica che scrissi tempo fa a proposito di una delle tante serie animate giapponese appartenenti alla categoria “anime di merda o quasi”.

Signori, ecco a voi lo shonen definitivo.

L’anime mi ha costretto a rivalutare il manga, che inizialmente consideravo mediocre, ma l’anime è anche peggio per cui non mi aspetto più molto dal fumetto.  :|

Non bastano banalità diffuse, un buonismo fin troppo presente e che nelle scene animate viene dilatato a dismisura e delle animazioni dei combattimenti piatte e insipide, ci vogliono anche le “puntate aggiuntive” che affrontano dibattiti intellettuali e filosofici come la capacità di suscitare in chi osserva la puntata degli irrefrenabili stimoli a defecare. Ma andiamo con ordine. Introduciamo prima la storia, poi passiamo al Capolavoro.

Partiamo dall’introdurre la serie: come si può evincere dalle prime scene, la protagonista con un po’ di intuito è una donna. In realtà non c’è solo lei, ma partiamo da colui che da il nome alla serie, cioè il prode Chrno. Assieme a lui sorella Rosette Christopher, la piccola Azmaria, l’ariana Satella e vari personaggi secondari come la petulante sorella Kate, costui (le sue performances sono tutte così) che dovrebbe essere un grande scienziato, e infine il ministro “ma quanto sono figo” Remington.

La storia, ambientata nell’America degli anni ’20, verte sulla ricerca di Chrno e Rosette del di lei fratello, Joshua (che per qualche motivo nel manga è identico spiccicato a Kaworu di Evangelion), sparito anni addietro in circostanze davvero pessime… Chrno ad ogni modo è un demone, che ha assunto una forma fanciullesca per risparmiare energie, e ha a che fare con tutto questo in qualche modo. La piccola Azmaria invece è un angelo venuto per combattere gli Eva, ma è un po’ in anticipo sui tempi e quindi si accontenta di occupare tempo e spazio con la sua inutile presenza. Fanno tutti parte dell’ordine di Magdala, e il loro mestiere, da brave persone di chiesa, è molto usuale.

Ovviamente sono dotati di poteri speciali, in particolare la capacità di rigenerare i vestiti che sono stati danneggiati la scena prima (ulteriori esempi maggiormente visibili qui e qui)

Un altro grande potere è quello (noto come “potere dell’ingegner Cane”) di poter rimodellare a piacimento tutte le leggi sul moto, o più probabilmente si tratta di uno dei moltimila svarioni del penosissimo fan sub che fra errori, imprecisioni e sviste varie fa venir voglia di prendere a sassate lo schermo più volte.

Tuttavia, anche con questi poteri il loro mestiere di esorcisti è molto duro, perciò sono necessari mezzi di sostentamento alternativi dalle molte ambiguità. I riferimenti equivoci capitano un po’ spesso, ciò nonostante Chrno ha saldi principi morali.

Ridendo e scherzando, fra un combattimento e l’altro si giunge alla puntata capolavoro, quella che ti rende orgoglioso di poter apprezzare le grandi opere dell’animazione nipponica, l’indimenticabile Episodio Definitivo.

Il titolo di quello che ho in mente è “Santa Vigilia”. Forse avete già capito. Se così non fosse, vi do un indizio: è stata inventata dallo staff dell’anime per riempire il palinsesto, con tutte le ovvie conseguenze del caso.

La sublimazione dell’animefan. Nel senso che vedendola passa istantaneamente allo stato gassoso per lo shock.

Ecco che i nostri eroi si trovano alle prese, a metà dicembre, con una notizia gravissima: mentre la piccola Azmaria tenta di recitare Maria quando incontra Gabriele stile “urliamo ogni battuta come se fossimo già al parto” (l’immagine di prima è presa dalle prove), in California si sono verificati dei casi di aggressioni da parte di demoni contro la popolazione inerme, un sacco di morti e feriti, qualcuno sembrerebbe anche aver visto il povero fratellino di Rosette che nel frattempo ha scoperto un sacco di cose spiacevoli su quel che gli è capitato, i nostri devono quindi partire immediatamente e con la massima urgenza.

Però Natale è vicino e siamo tutti più buoni, quindi rimaniamo qualche giorno in più per festeggiarlo, chissenefrega se sull’altra costa la gente muore e il tempo per ritrovare Joshua scorre (e non è infinito). Comportamento indubbiamente molto sensato e realistico.

Ad ogni modo, arriva la vigilia, i nostri eroi decidono di andare a racimolare denaro per le strade… la presentabilità conta, quindi la povera Azmaria deve fare attenzione se non vuole che i clienti non vengano (notare uno dei tanti strafalcioni del fansubber italiano). Ma che avete capito, è per i bambini poveri! Il tapino anziano però ci crede e l’imbarazzo cresce. Dato che si deve far felici i bravi bambini, è necessario quindi che qualcuno distribuisca loro doni come Babbo Natale, così Chrno sperimenta un nuovo look per l’occasione (gli dona moltissimo devo dire).

Sì, succede proprio questo.

Sì, costoro sono diventati così.

Beh, in definitiva la puntata scorre con una sdolcinatezza immonda. Ma in fondo, è Natale, il periodo in cui siamo tutti più generosi, e anche se nel terzo mondo si muore di fame possiamo concedere ai nostri beniamini rappresentanti di colui che parlò ai poveri e agli infelici questi attimi di gioia nel loro party davvero molto chiccoso.

Al vecchio scienziato il compito di augurarci un buon Natale ed un felice anno nuovo.

Insomma, l’unica cosa decente alla fine è il chara della protagonista.

Missione di oggi… fallita (cit.).

(eventuali fan della serie non mi lancino macumbe e anatemi ora, grazie ^^)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...